"IMMAGINI  DELLA  CAMPAGNA  DI  RUSSIA"

San Giovanni Lupatoto (VR) 22 e 23 Ottobre 2005-

 

di Andrea e Antonio TALLILLO

 

Con il patrocinio dell’Assessorato alla Cultura, della Pro Loco e della Fondazione Culturale Carlo Zinelli di San Giovanni Lupatoto, è stato possibile organizzare una Mostra di taglio abbastanza inconsueto, che ha interessato diversi appassionati di storia militare, uniformologia ed un folto pubblico. In effetti, il piatto forte è stata l’esposizione di centinaia di fotografie inedite, scattate sul fronte russo nel 1941-1943 da un appartenente alla Divisione di Fanteria “Pasubio”. Foto molto belle, di uomini, mezzi, paesaggi  e quant’altro, con le quali si è voluto ricordare il sacrificio di una guerra ormai lontana nel tempo ma che ha ancora alcune visibili conseguenze tra la popolazione locale, essendo appunto la “Pasubio”, una Divisione di mantovani e veronesi che tornò decimata.  Le foto, pur essendo molto importanti dal punto di vista documentaristico, da sole avrebbero suggerito solo alcuni spunti, niente di meglio quindi che presentarle accompagnate da cimeli ed uniformi del periodo e dulcis in fundo anche con una buona panoramica dei mezzi militari presenti sul fronte russo, dai carri armati sovietici ai vari mezzi tedeschi e persino automezzi italiani, di quelli in carico alla Pasubio ed immortalati nelle foto esposte. E’ stato confortante in questo ambito non essere stati presi  per “matti” ma per quel che ormai siamo, dei ricostruttori di Storia nel nostro piccolo. Inoltre, senza l’assillo di giurie, premi e coppe, ci si è potuti dedicare a proficui scambi di opinioni sia con gli appassionati di storia militare in genere , e credeteci in circolazione ce ne sono molti di più di quel che si pensa, importante poi anche il contatto con gente comune, non prevenuta come il pubblico un po’ “snob” che spesso frequenta le mostre di modellismo canoniche.

L’inaugurazione ha visto l’introduzione di Alessandro Zinelli ed un discorso dell’Assessore alla Cultura molto sentito e sicuramente non il solito discorsetto di circostanza, infine c’è stata l’esecuzione del “silenzio fuori ordinanza” effettuata nel cortiletto del Centro Culturale che è riuscita ad emozionare un po’ tutti. E’ stata inoltre un’ottima occasione per intrecciare già alcune future collaborazioni, grandi consensi ottenuti anche dal numeroso pubblico che non è mai mancato per i due giorni della Mostra e che ha fornito molti spunti e addirittura materiale inedito, rendendo così il bilancio finale senz’altro molto positivo.

Fieri di aver partecipato ad un’iniziativa piccola ma molto coinvolgente, ringraziamo gli organizzatori Fuscalzo Gianpietro e Sammartino Claudio per averci dato fiducia offrendoci questa preziosa opportunità, nonché tutti coloro che a vario titolo hanno dato un forte supporto ed aiuto, in primis gli amici mantovani Lauro Bonfà e Giorgio Breviglieri.

                        

                       

 

 

GALLERIA