Museo di Al Elamein

-  SACRARIO MILITARE ITALIANO  -

reportage di Piero PARLANI

 
EL ALAMEIN  RESORT   : TURISMO E  STORIA ?
 
Da non moltissimo, è possibile coniugare il turismo con un po’ di sano interessamento alla nostra storia militare – nel caso dell’Egitto, mentre prima chi andava ad El Alamein lo faceva in un ambito di raccolto pellegrinaggio, ora lo si può fare nell’ottica di un viaggio organizzato, che preveda pure un’escursione ai sacrari presenti vicino alla nuova zona turistica. Scherzi della storia e della globalizzazione….pensare che i discendenti di chi combattè nei contrapposti reparti siano lì tranquilli, in pace, a godersi il sole ed il mare è perlomeno strano ma consolante.
La gigantesca ed improba fatica di organizzare le sepolture in sacrari fu dovuta a quell’uomo a tutto tondo che fu Paolo Caccia Dominioni, giustamente ricordato anche per questo. Molti anni dopo, la situazione dei Sacrari non era rosea, alle prese con ben pochi fondi, il “tran tran” burocratico ed indifferente delle Autorità, il poco interesse di chi andava in Egitto per turismo. Lo Stato Maggiore anni fa ha voluto dare una sterzata positiva affidando l’opera di restauro e valorizzazione dei cimeli ad un ottimo team di esperti italiani, dei quali conosciamo Piero Compagni, amico personale e noto per le sue illustrazioni che campeggiano in molte delle pubblicazioni dello Stato Maggiore Esercito e del Gruppo Modellistico Trentino. Con l’aiuto dello scarsissimo personale locale, fra l’altro di un anziano ascaro superstite, tale Jakub, è stato possibile rimettere nel giusto splendore tutto il po’ po’ di materiale conservato. Ne fanno fede le fotografie, scattate dall’amico Piero Parlani in occasione di una visita-pellegrinaggio facilitata appunto dal fatto che El Alamein è ora pienamente inserita in un circuito turistico il che abbassa i costi e ne facilita di molto la visita, senza particolari problemi.
Perciò, se vi piace il mare ma non siete così frivoli da non accompagnare le ferie con qualche spunto storico-culturale, sappiate che El Alamein vi aspetta. Oltre ai Sacrari sono conservati anche diversi mezzi e pezzi d’artiglieria, alcuni anche rari.
Due parole su Piero Parlani, oltre ad essere uno dei più competenti e capaci modellisti che costruiscano mezzi italiani è anche un appassionato di uniformologia e collaboratore in pianta stabile del Museo della Cavalleria di Pinerolo. Di recente l’abbiamo avuto ospite a casa e sono cosi’ saltate fuori anche le foto in questione, che volete di piu’

                                                  Andrea e Antonio Tallillo

Piero Parlani

Noi tutti del C.M.P.R. ci associamo nel ringraziarLa, sig. Piero, per aver voluto condividere i Suoi ricordi e le emozioni che quei luoghi tristemente famosi suscitano nella memoria di tutti gli italiani. (n.d.r.)

                                                                                                    

               

           

               

               

           

           

               

           

               

       

           

           

       

       

           

           

           

           

           

               

               

           

               

           

               

 

GALLERIA